martedì 27 marzo 2012

Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole

---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: comunicazioni.scuole
Date: 27 marzo 2012 16:10
Oggetto: Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole

L'Istituto nazionale di statistica e il Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca hanno avviato una collaborazione finalizzata a promuovere l'utilizzo delle statistiche economiche, sociali ed ambientali a supporto della didattica nelle scuole di ogni ordine e grado.

La statistica ufficiale è uno strumento fondamentale per comprendere il Paese in cui viviamo: consente di mettere a fuoco i fenomeni sociali, economici, demografici e ambientali e seguirne l'andamento nel tempo. In particolare, per le giovani generazioni, acquisire dimestichezza con l'informazione statistica significa prepararsi a prendere decisioni consapevoli, basate sui dati disponibili, e abituarsi a valutare in termini quantitativi le conseguenze delle scelte fatte, anche da chi ha responsabilità di governo.

L'Istituto nazionale di statistica (Istat) e il Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca (MIUR) hanno avviato una collaborazione finalizzata a promuovere l'utilizzo delle statistiche economiche, sociali ed ambientali a supporto della didattica nelle scuole di ogni ordine e grado. Ad integrazione degli strumenti più classici, tutti disponibili gratuitamente sul sito
www.istat.it, attraverso prodotti caratterizzati da diverse complessità, l'Istat è oggi in grado di raggiungere un pubblico vasto, anche di non "addetti ai lavori", come gli studenti. Inoltre, nel corso del 2011 sono state avviate alcune iniziative pilota con scuole elementari, medie e medie superiori finalizzate alla promozione della cultura statistica, nonché a rendere la statistica ufficiale più vicina ai cittadini, anche in occasione del censimento generale della popolazione in via di completamento.

Con la presente comunicazione si intende segnalare la messa a disposizione del sistema scolastico nazionale di tre "palestre della conoscenza": si tratta di pubblicazioni di cui è possibile effettuare gratuitamente il download, integrate da ulteriori strumenti di consultazione (ad esempio, grafici dinamici):

- Italia in cifre: è un agile fascicolo che offre un quadro sintetico dei principali aspetti dell'Italia e della sua popolazione, illustrati attraverso grafici e tabelle e arricchiti da alcuni approfondimenti di carattere storico, collegati alla celebrazione dei 150 anni dell'Unità d'Italia, e da un glossario che aiuta a capire meglio i concetti e le parole della statistica. E' un prodotto ideale per la scuola elementare, ma non solo.
Disponibile all'indirizzo http://www3.istat.it/dati/catalogo/20110405_01/
NoiItalia: la pubblicazione offre un quadro d'insieme dei diversi aspetti economici, sociali, demografici e ambientali del nostro Paese. Il quadro informativo è arricchito da notizie sulle differenze regionali che caratterizzano l'Italia e sulla sua collocazione nel contesto europeo. Gli indicatori, raccolti in 119 schede e distribuiti su 19 settori di interesse, si possono consultare per settore e per singole schede, ma anche approfondire seguendo i link presenti sulle singole pagine, nonché scaricare su foglio elettronico. E' un prodotto che può offrire ai docenti, in particolare nelle scuole secondarie di secondo grado, un utile supporto per ricerche guidate sulla società in tutti i suoi aspetti.
Disponibile all'indirizzo
http://www.istat.it/it/archivio/51132
- L'Italia in 150 anni. Sommario di statistiche storiche 1861-2010: il volume, molto corposo, ripercorre il cammino dell'Italia, testimoniando e documentando le trasformazioni avvenute nel corso della storia grazie a un'informazione statistica di cui il Paese ha saputo dotarsi fin dall'inizio del percorso unitario. E' un prodotto particolarmente utile per ricerche di carattere storico per le scuole medie inferiori e superiori.
Disponibile all'indirizzo http://www3.istat.it/dati/catalogo/20120118_00/
I dati contenuti nel volume, ed altri ancora, sono scaricabili anche dall'Archivio storico
http://seriestoriche.istat.it/

Invitando le direzioni didattiche a trasmettere questa informazione a tutti i docenti, Istat e MIUR augurano buona lettura all'Italia che verrà.